Telefoni cellulari e api

Vari studi hanno esposto prove che sostengono la teoria che la malattia “colony collapse disorder” (CCD) delle api sia dovuta alle radiazioni microonda bioattive dei telefoni cellulari e dei loro ripetitori. 

Gli esperimenti recenti hanno trovato che le api operaie non riescono a ritornare ai loro alveari quando le microonde dei cellulari interferiscono con la loro abilità di navigazione. Sono stati posizionati telefonini vicino agli alveari. Questi alveari sono collassati completamente in 5 – 10 giorni, con le api operaie incapaci di ritornare alle loro sedi.


Le radiazioni inoltre, danneggiano il sistema nervoso dell’ape che diventa incapace di volare.
I parassiti, la fauna selvatica e altre api che normalmente fanno razzia del miele e del polline lasciato quando una colonia muore, si rifiutano di avvicinarsi agli alveari abbandonati.
Il fenomeno della CCD e la risultante perdita di raccolto sono stati notati  in primo luogo negli Stati Uniti parecchi anni fa, ma ora dal 2007 il fenomeno si è sparso alla maggior parte dei paesi europei.  (The Pioneer 18 Settembre, 2009 )

Attenzione all’uso smodato del telefonino: ci sono gravi pericoli anche per gli esseri umani!!

Telefoni cellulari e apiultima modifica: 2009-12-01T17:13:06+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Telefoni cellulari e api

  1. non concordo con quanto scritto su gli effetti delle onde elettromagnetiche in quanto il sotto scritto è una vita che lavora immerso nelle onde a radio frequenza e a varie frequenze con potenze variabili da 1 watt a 100 Kw!!!!!!!e frequenze da 455Kc/s a 2,4Ghertz. con esperimenti di ogni tipo.

  2. Sono giunto a 70 anni, sono stato sempre vegetariano dall’età di 10 anni e sinora non ho mai avuto una malattia. Non mi sono mai preso un’influenza stagionale. Perciò non dica stronzate se non agli stronzi pazzi come lei che dice che i grassi fanno dimagrire e i cereali fanno ingrassare. Ci sono sempre individui che vogliono essere ad ogni costo originali. Io sto con Veronesi, che certamente (da vegetariano) non è un pazzo come lei che non sa che i carnivori (come cani e gatti ) sono soggetti a tumori, mentre non lo sono gli erbivori. Auguri di cancro a lei e a tutti i pazzi della sua stessa stoffa.

Lascia un commento